Museum opening hours: 4PM to 7PM Saturday - 11AM to 13AM Sunday. Other days reservation

Sant’Angelo dei Lombardi ospita la musica e il mito dell’Antica Grecia

Il Museo dell’Emigrazione, che rappresenta una parte del Progetto “IGELDA- I Giovani e la disabilità in Alta Irpinia” e ubicato nel Castello degli Imperiale di Sant’Angelo dei Lombardi, ha ospitato nella serata di venerdì con il “Concerto di Lyra a sette corde – La musica della Grecia antica: ricerche studi ed esecuzioni”.

Una manifestazione che si è svolta attraverso l’alternanza di esibizioni musicali e spiegazioni teoriche portate avanti dal dott. Nikos Xanthoulis del Museo Archeologico di Atene.

Un vero e proprio viaggio nella cultura e nella mitologia dell’Antica Grecia ripercorrendo anche la storia musicale greca. Tra le immagini presentate, infatti, sono state mostrati anche gli strumenti fondanti della musica greca, ossia la Lyra e l’Aulos, oltre che una serie di spartiti riportati su papiri e altri supporti conservati nei vari musei del mondo.

Presenti oltre al sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi Rosanna Repole, anche il dirigente dell’Istituto “Francesco De Sanctis” Giovanni Ferrante, gli insegnanti dell’istituto e studiosi del mondo greco.

“Nell’antica Grecia la musica era uno dei requisiti alla base di una buona vita e di una società civilizzata. Musica come ricerca dell’amore, della bellezza e di sé”, ha spiegato il dott. Xanthoulis che ha intrattenuto il pubblico con l’“Inno a Pindaro”, gli “Inni alla Musa Calliope”, “Orestes Stasimon” di Euripide, “Pitaffio di Sicilo” risalente al II-III secolo d. C., alcuni componimenti di Saffo risalenti al periodo 630-750 a.C. e “Elena di Euripide – Terzo stasimon”, composto da lui.

I ritmi coinvolgenti eseguiti dal dott. Xanthoulis e sono stati riproposti da lui e una piccola orchestra dal vivo nel pomeriggio di ieri nell’esibizione teatrale “Le Eumenidi” di Eschilo, portate in scena dal Laboratorio teatrale del Dramma Antico del Liceo Classico “Francesco De Sanctis”, con la partecipazione della Camerata Strumentale dell’Università di Salerno.

Una rappresentazione realizzata nell’ambito del Progetto “Scuola Viva” e dell’evento “Classici Contro” che ha emozionato il pubblico dell’Auditorium dell’Istituto “De Sanctis”.

Importantissimi i temi trattati ne “Le Eumenidi”, come i valori etici, la giustizia, l’ordinamento dello stato, la guerra e il senso della paura che ancora oggi hanno una valenza particolare nella società in cui viviamo oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + 18 =